Participio presente e passato

This post is also available in: Italiano English Español

Mentre il participio presente ha sempre valore attivo, il participio passato ha valore attivo nei verbi intransitivi, valore passivo nei verbi transitivi:

Esempi:

Sorpreso sul luogo, non seppe dare spiegazioni convincenti.

Quel tipografo, assunto l’anno scorso, è già riuscito ad avere incarichi di responsabilità.

Unito agli ausiliari avere e essere, il participio passato forma i tempi composti dei verbi transitivi e intransitivi:

Esempi:

Hai pianto.

Siamo venuti subito.

Unito all’ausiliare essere forma la coniugazione passiva dei verbi transitivi.

Esempi:

Tu sei stimato.

Ecco le norme di più comune applicazione nella concordanza del participio passato col nome al quale si riferisce:

– nei tempi composti con l’ausiliare essere (tanto per i verbi che lo usano nella forma attiva, quanto nella forma passiva), concorda in genere e numero col soggetto:

Esempi:

La due ragazza sono accorse subito a consolare l’amica.

I due ragazzi sono stati ripresi dal maestro.

– nei tempi composti con l’ausiliare avere resta di norma invariato. Se però il complemento oggetto precede il verbo, il participio può concordare con esso. Quando il complemento oggetto è costituito dai pronomi di terza persona lo, la, li, le, il participio si accorda obbligatoriamente col pronome:

Esempi:

Ho registrato tutti i tuoi interventi.

Avete visto i film che vi ho portati (ma anche “portato”)?

L’ho incontrato oggi pomeriggio e quasi non lo riconoscevo.

– con i verbi riflessivi apparenti può concordare sia col soggetto sia col complemento oggetto:

Esempi:

Dopo aver finito il lavoro si è lavato la faccia.

Dopo aver finito il lavoro si è lavata la faccia.

La funzione aggettivale del participio passato può rendere difficile la sua distinzione da un aggettivo vero e proprio.

Per distinguere le due parti del discorso, bisogna chiedersi se la parola in esame indica una condizione o uno stato: in questo caso è un aggettivo. Se indica invece un’azione si tratta di un participio passato.

Esempi:

Oggi la scuola è chiusa.

Chiusa” indica uno stato, ed è un aggettivo;

La scuola è chiusa ogni sera dalla bidella.

E’ chiusa” indica un’azione, chiusa è il participio passato del verbo chiudere che, in unione col verbo essere, forma il presente passivo del verbo chiudere.


Ask Speak Up Italian for an expert teacher in Italian grammar.

For informations: click here

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *